ER CICIO

“AO, NON STO A DORMI MA RAGGIUNGO L’ESTASI CREATIVA“

DI MARIO CICIONE

Ai figli e ai figli de figli…

Me rivolgo a te. A te che te stai a legge sto magazine, che da n’anno te fai serie de allenamenti nelle quali si alternano squat sul divano, alzata dell’impasto e piegamento der bicchiere, a te che non dai mai nulla pe scontato ed ogni giorno è na scoperta. Te che vuoi sempre sapè, ma non sai mai che cazzo fa e da quando ce sta la pandemia non te lo chiedi manco più perché tanto non puoi fa n’ cazzo. E se te dicessi che hai l’occasione pe te riscattà da tutto questo ma non sei abbastanza folle o genio pe coglierla? E se ti dicessi che sei te stesso a rovinà tutta sta magia? 

Non ve sto a vende un sogno ma na solida realtà.

Ce sta n’ tipo… un certo Dalì, Salvator Dalì che senza farsi tutte le cannette che te fai te, svalvola che è n’amore. Anche perché a detta sua, lui è a droga. Boh, forse sarà legale…vabbè. In sostanza, lui mica è un genio perché è blu ed esce da na lampada, ma perché la sua vita quotidiana si estranea da quella della restante umanità.

Tornando a noi, il 29 giugno del ‘52 a quanto pare, dorme e dipinge da paura e con più soddisfazione del solito. Me dirai “bella pe lui”, ma te dirò di più. La sua preoccupazione quando se sveglia è quella cazzo de bavetta… quella agli angoli delle labbra che te se forma quando stai a dormi, c’hai presente? Pare che a lui se forma pure mentre sta a dipinge e reputa sto fatto na cifra interessante, come un divino abbandono nel piacere. Praticamente sbava de piacere. Ovvio, chi non lo fa? Se pulisce dirai te, no. Anzi, se pone sto quesito: “Bisogna lasciare che le screpolature di soddisfazione si aggravino, o bisogna sforzarsi di asciugare per tempo la saliva?

(non è na domanda de Marzullo)

Ao, il 30 giugno a detta sua, non è che me lo sto a inventà, dice che dopo avè sbavato tutta a santa mattinata, se sente sta bava, ormai diventata na crosta, bruciare…ardere…ed ogni tanto je da na leccatina, così, pe ave n’illuminazione.

La cosa bella sai qual è?  È che se impasticcava de sonniferi la notte pè raggiunge lo stato di un vegetale in maniera tale da produrre più bava. Pè chi non avesse ancora capito, pe lui sta cazzo de bava era fonte d’ energia artistica e de creatività. 

Pare, e dico pare, ma date le circostanze credo che sia così, che abbia compiuto molti quadri utilizzando sta tecnica.

Quindi in conclusione, a te lettore, te dico… quanno te svegli la mattina, prima de bere e de lavarti, datte na leccatina alla bava, e se non te esce, prenditi dei sonniferi pure se dormi da paura. Così vedrai che magari, tra n’divano, un letto e na cucina, te viene il colpo de genio.